Cherchez le mot...

silvana
Posts: 118
Joined: Wed Jun 09, 2010 16:44

Re: Cherchez le mot...

Post by silvana » Sun Feb 05, 2012 17:38

Mi riconosco al cento per cento nel n.6!!! Quindi le eccitazioni che impongono...ecco sono arrivate credo e per ora osservo l'evento! Silvana

User avatar
Irinushka
Site Admin
Posts: 7085
Joined: Sat Dec 22, 2007 1:14
Location: Italy, Piedmont
Contact:

Re: Cherchez le mot...

Post by Irinushka » Tue Feb 07, 2012 19:20

Un po' di tempo fa Salli aveva postato sul forum russo alcuni frammenti del live journal di un certo tizio, dedicati al suo viaggio in India.

E mi sono piaciuti molto, perché sono molto adatti per descrivere la Nuova Realtà.

********************************

"Non c'è assolutamente la voglia di trasformare nel testo tutto quello che c'è qui, che succede qui, che vive, fa rumore, si muove, respira qui - mettete pure altri verbi secondo i vostri gusti.

Negli altri posti la realtà spesso vuole decisamente diventare testo, per qualche motivo ne ha bisogno.

Per quale motivo? Posso solo provare ad indovinare.

Per rafforzarsi, per diventare più tangibile, più compiuta, oppure al contrario, per diventare meno determinata, per avvolgersi nella nebbia, per creare dei ghirigori sulla superficie dell'acqua, per trasformarsi - ogni cosa è possibile quando diventi il testo che tu stesso hai creato (che hanno creato da te).

Insomma, quello che conta, è che la realtà di solito vorrebbe diventare testo.

Mentre quella locale non lo vuole per niente. Cioè, non è che vi si oppone in modo rabbioso, semplicemente non gliene frega niente (però, con questa sfumaturina: "forse dopotutto è meglio di no")." :mrgreen:

****************************************

Ecco, secondo me, la Nuova Realtà per definizione non può essere trasformata in testo, e se uno ci prova, la magia si dissolverà, il Miracolo si dissolverà, evaporerà, rimarrà appunto soltanto un testo.

Perciò presumo che useremo sempre di più le parole "parlanti", le parole - vettori, le parole - eccitazioni, capaci di farci avere, di aiutarci a scambiarci degli "attachment" esistenziali, pieni di "non solo testo"...

L'interpretabilità della Nuova Realtà: da dove comincia?

Forse proprio dalla rinuncia ad usare le spiegazioni "stabili" e "sicure"...

Anche perché la Nuova Realtà si rifà e si ricalcola in ogni momento, il suo parco delle equazioni esistenziali è sempre in movimento, e una delle regole fondamentali è quella di non attribuire alla "realtà di oggi" i criteri e i segni della "realtà di ieri".
AIRI-SON

Tornerò a sollecitare le vostre anime

"Съешь же ещё этих мягких французских булок, да выпей чаю." :figurati : ... : : down :

User avatar
Irinushka
Site Admin
Posts: 7085
Joined: Sat Dec 22, 2007 1:14
Location: Italy, Piedmont
Contact:

Re: Cherchez le mot...

Post by Irinushka » Thu Apr 26, 2012 9:46

Irinushka wrote: Labbra-door, il parlare magico, l'apri-porte e l'apri-cancelli (i cancelli che cancellano i letti del fiume vecchi), il nostro strumento principale per trasformare questa dimensione fallimentare in qualcosa di decisamente diverso.

Non deve essere "corretto", deve essere come "slittato", non del tutto a fuoco, "imperfetto", parzialmente in disaccordo (non allineato) con le vecchie frecce regolatrici, è come un altro "taglio" dello spazio del discorso.

E' come usare dei geroglifici trascritti in caratteri che ci sono familiari, perché in questo momento ancora non possiamo usare direttamente dei geroglifici, ma possiamo già riconoscere che i nostri caratteri familliari sono assai approssimativi e assai instabili e spesso "lucidi in modo insano", e quindi non dobbiamo attribuire loro troppo potere.

O, meglio, quello che conta, è la modalità "cross word", parole incrociate, il disegno ritmico, integro e conduttivo del Tempo-Spazio formato dai singoli componenti "fissanti", dalle singole frequenze portanti, la parola o l'espressione come una costola del movimento, la parola o l'espressione che - per forza - suona in modo diverso in quanto sottoposta all'Overclocking.

Magari, varia una certa sillaba, magari, appaiono dei dittonghi

fonetica, un dittongo (greco δίφθογγος, "díphthongos", "con due suoni") è una combinazione di due vocoidi costituito da un rapido spostamento da un vocoide a un altro, spesso interpretato da chi ascolta come una vocale unica, cioè un singolo fonema vocalico. Mentre i vocoidi semplici o monottonghi sono descritti come foni statici, i dittonghi presuppongono uno spostamento della lingua.

Magari, nasce una parola che mescola insieme più lingue/ondulazioni/colori/componenti della Ragione, in modo spontaneo, naturale ed acrobatico, come farebbe un bambino, magari, evoca anche dei gesti e chissà cos'altro, ed è come un'impronta istantanea della Forza che afferma: "Sono qua! Mi vedi?"

Un afflusso della fede, della fiducia, di tarature pratiche, un'altra QUALITA' dell'uso del Creato.

È come sentire aprirsi le ali, le ali che aiutano a capire e che aiutano ad usare in modo appropriato la propria vitalità, mentre il vecchio modo di parlare diventa sempre di più un insieme di massime sbiadite e fuori dal Tempo, un insieme di rumori disomogenei, che riflette sempre meno le correnti del Campo della Forza della Vita, quello che sta succedendo veramente.
Stamattina, ancora a metà sveglia e a metà addormentata, ho notato in transito la parola Cartagine, Cartagena (Cartagine deve essere distrutta! Carthago delendam esse!), in russo Карфаген,

l'ho attirata verso di me e lei subito mi ha mostrato questo significato: Carta Gena, Карта Гена, Mappa del Gene...

La Mappa del Gene, la Mappa del Genoma deve essere distrutta!

Dopo di che l'ambiente mi ha salutata con Guten Morgen, Buongiorno!, dove Morgen stava per More Gene, più geni, altri geni, altri cromosomi, altri "kit esistenziali", insomma
Irinushka wrote:
Rendiamoci finalmente conto che la Vita e la Morte le abbiamo qui, in questa dimensione terrestre, e forse è arrivato il momento di affrontare e di sfidare il dogma INAMOVIBILE, di TRAPASSARE "nella migliore Vita" qui, nella dimensione terrestre...
AIRI-SON

Tornerò a sollecitare le vostre anime

"Съешь же ещё этих мягких французских булок, да выпей чаю." :figurati : ... : : down :

User avatar
nadia
Posts: 319
Joined: Thu Apr 15, 2010 11:54

Re: Cherchez le mot...

Post by nadia » Thu Apr 26, 2012 22:00

Parole come braccia che escono da me, ho braccia nella bocca, ho braccia che dagli occhi danno nomi ad ogni cosa.
Ho braccia sulla testa che prolungano i pensieri tentando di carpire la vera verità.
Io suono le parole, non sempre so intonare perchè le dissonanze mi paiono crudeli, e allora suono ballate scontate e conosciute per non rischiare fiaschi,bottiglie o bicchierini di liquidi informati, formati dal di dentro di crude crudità.
Il gioco mi seduce, portandomi con se in lande solitarie di folle savità.
:shock:
NamoЯartista a servizio dello Spirito

User avatar
Irinushka
Site Admin
Posts: 7085
Joined: Sat Dec 22, 2007 1:14
Location: Italy, Piedmont
Contact:

Re: Cherchez le mot...

Post by Irinushka » Fri Apr 27, 2012 10:48

La parola del giorno, sentita in russo: Выщелачивание.

Lisciviazione

Riporto l'articolo della Wikipedia, che offre parecchi suggerimenti interessanti, applicabili a quello che stiamo vivendo... :|

*****************************

La lisciviazione (o estrazione solido-liquido) nella terminologia chimica definisce il processo consistente nella separazione di uno o più componenti solubili da una massa solida mediante un solvente. Viene spesso utilizzato in metallurgia, ad esempio nei processi di produzione del rame, dell'argento o dello stagno.

Il termine è utilizzato anche in idrogeologia e pedologia per indicare il processo per cui gli elementi solubili del suolo, per effetto dello scorrimento e della percolazione delle acque, vengono trasportati o migrano negli strati più profondi.

Processo di trasferimento di materia che avviene per diffusione del soluto dalla soluzione concentrata che imbeve il solido, alla massa della soluzione d'estrazione, in forza della concentrazione esistente.

***************************
Altre cose - enormi, impensabili, inimmaginabili e sempre più disumane - in questo momento ancora non riescono ad inserirsi nel mio spazio del discorso, avrei bisogno di qualche "angolo" in più per poter fare manovra... :lol:

Non vi chiedo nemmeno come state, tanto, lo so già... :mrgreen:
AIRI-SON

Tornerò a sollecitare le vostre anime

"Съешь же ещё этих мягких французских булок, да выпей чаю." :figurati : ... : : down :

User avatar
Andrew
Posts: 606
Joined: Mon Jan 18, 2010 11:24
Contact:

Re: Cherchez le mot...

Post by Andrew » Tue May 01, 2012 11:14

Soffermandomi sull'inizio di questo mese mi é venuta in mente la traduzione in inglese della parola Maggio, May, che ha anche il significato di potere, poter darsi che, possibilità, permesso. :roll: :wink:

User avatar
Irinushka
Site Admin
Posts: 7085
Joined: Sat Dec 22, 2007 1:14
Location: Italy, Piedmont
Contact:

Re: Cherchez le mot...

Post by Irinushka » Tue May 01, 2012 17:58

Ho come la sensazione di non essere ancora del tutto atterrata nel mese di maggio... :mrgreen:

Stamattina sotto la doccia ho sentito questa espressione idiomatica russa

Шаром покати

Il che vuol dire "completely empty", completamente vuoto, per esempio, la condizione dell'assenza totale di cibo nella casa o di pensieri nella testa :mrgreen: , ma alla lettera significa: "Da farci scorrere una sfera, da farci scorrere una palla".

Lo spazio è così vuoto che anche se ci fai scorrere dentro una palla, non riuscirai a toccare niente...

E mi sa che questa bella espressione si riferisce alla nostra attuale realtà PSEUDOCROMATICA. :!: Al nostro attuale spazio della Vita pseudocromatico...

Perché "Pseudo"? Perché con un'angolazione sbagliata...

Ieri sul forum russo ho messo a verbale alcune cose vagamente "provocatorie" :mrgreen: , e a questo punto le riassumo anche qui.


******************************
Personalmente nell'attuale mondo-edizione io non vedo proprio niente in cui investire me stessa, tranne l'Acustica, perché è proprio attraverso l'Acustica, attraverso le oscillazioni acustiche che sta avvenendo il passaggio nella dimensione diversa, nell'edizione diversa.

Basta solo non intralciare gli eventi, non impedire loro di succedere come vogliono loro, perché la Terra - Clever Land - Tegucigalpa - li userà come un materiale legante per formare nuove portanti e nuove chiome dell'Albero e nuovo ordine della Vita.

Questo mondo, nella sua attuale versione, è ASTRATTO, anche se a noi sembra relativamente reale (più precisamente, pieno di fastidi e di obblighi reali :mrgreen: ).

Però qui nessuno aderisce direttamente a nessun'altro, non c'è contatto, non c'è comunicazione, non c'è nessun insieme, le persone semplicemente fanno attrito le une con le altre tramite gli involucri dei propri Io-Scafandri.

E un mondo così sarebbe meglio "dismettere a fuoco", senza aggrapparsi alle singole "non malvagità" e "parvenze di ordine"...

*********************************

Tornando all'espressione

Шаром покати

La terrestricità si sa ha una forma sferica, può essere che prossimamente si metterà a rotolare... giusto per cominciare a sistemare un po' le cose sul proprio territorio...

E... non credo che gli scafandri, gli Io-scafandri, quelli della realtà inventata e scolorita dell'essere umano generico, saranno tanto in salute, può addirittura darsi che si metteranno a urlare "May Day"...

Però sta a noi decidere che cosa ascoltare con le nostre orecchie, quali frequenze, quali regimi della Forza, a che cosa dare corda...

La parola "parafulmine": insiste per voler entrare nel post, e allora la accontento :lol: , solo che la sento in russo, e cioè come "paratuoni"...
Cesi wrote:
BUON DISORDINE A TUTTI :mrgreen:
CESI
Forse scopriremo che è molto più gratificante avere a che fare con il proprio disordine personale (dovuto all'interazione con la propria e altrui forza) che non con l'ordine basato sulle scenografie predisposte secondo il criterio irreale del "tutto per tutti"... :|
AIRI-SON

Tornerò a sollecitare le vostre anime

"Съешь же ещё этих мягких французских булок, да выпей чаю." :figurati : ... : : down :

User avatar
Irinushka
Site Admin
Posts: 7085
Joined: Sat Dec 22, 2007 1:14
Location: Italy, Piedmont
Contact:

Re: Cherchez le mot...

Post by Irinushka » Fri May 04, 2012 9:51

Irinushka wrote:
Apocalisse, e cioè, "rivelazione"...

Dobbiamo forse avere paura della rivelazione?

Non credo proprio.
Colpo apocalittico: vi piace? :mrgreen:

E un'altra espressione che ogni tanto sento in questi giorni:

Nero su bianco...

E adesso ho sentito anche questo: retroscena

P.S. Mi sa che i segni e i simboli ormai ci sono tutti (anche grazie alla fornitura speciale della notte scorsa :) ), i segni e i simboli per LIBERARE la Vita nella materia, però le velocità, le velocità sono ancora "invisibili" ma comunque diverse da quelle conosciute...
AIRI-SON

Tornerò a sollecitare le vostre anime

"Съешь же ещё этих мягких французских булок, да выпей чаю." :figurati : ... : : down :

User avatar
Andrew
Posts: 606
Joined: Mon Jan 18, 2010 11:24
Contact:

Re: Cherchez le mot...

Post by Andrew » Wed May 09, 2012 15:20

Andrea wrote:Soffermandomi sull'inizio di questo mese mi é venuta in mente la traduzione in inglese della parola Maggio, May, che ha anche il significato di potere, poter darsi che, possibilità, permesso. :roll: :wink:
Oggi a pranzo, parlando di traduzioni in inglese con un collega, lui mi raccontava che le sue figlie di 8 anni gli hanno detto che il termine coccinella si traduce nel molto carino lady-bug.

E allora, scherzosamente, ci siamo detti: "a questo punto forse il maggiolino si traduce in may-bug!" :mrgreen:

Poco fa, dopo aver verificato con l'amico Traduttore di Google :D che effettivamente la traduzione may-bug é corretta, mi é arrivata da parte di una persona che non sentivo da tempo una mail con oggetto "una mia amica vende il beetle", che é il nome inglese del famoso maggiolino Volkswagen. :shock: :!:

A questo punto non posso che mettere a verbale il may-bug, e prendendo bug nel senso di errore o problema questo suggerisce che in maggio ci potrebbe essere qualche genere di malfunzionamento (e ormai la cosa mi sembra abbastanza imminente ed evidente... :roll: )

User avatar
Irinushka
Site Admin
Posts: 7085
Joined: Sat Dec 22, 2007 1:14
Location: Italy, Piedmont
Contact:

Re: Cherchez le mot...

Post by Irinushka » Fri May 11, 2012 9:33

Irinushka wrote:
Ho anche visto un'immagine metaforica della Forza con le mani legate..., e... non intende far durare ancora a lungo questa condizione maledetta (e cioè, anche DETTA MALE) mantenendo in piedi un regime che è una specie di "anti..." Anti- conduttività, anti-ricerca, anti-eccitazione, anti-comprensione, anti-evento, anti-cristo, anti-ragione...

La Terra che si è impigliata nelle parole prive di spirito, nei suoni che conducono la debolezza e la menzogna...

Boa di segnalazione della Forza, le parole, le espressioni come delle Boa di segnalazione della Forza, come delle indicazioni correnti, della profondità, del pericolo, dei "degree", come dei regolatori naturali del nostro Avanzamento individual-globale...

Entrare in contatto diretto con le parole e attraverso le parole con la sostanza primordiale, con il fuoco primordiale che respira, che oscilla, che sceglie, che sa...

Saper usufruire dei bivi e dei passaggi suggeriti dalle parole...

Qualche boa può essere presente sul nostro percorso più o meno regolarmente, qualcun'altra magari, la incontriamo una volta sola, ma in tutti i casi non possiamo, non dobbiamo appiccicarci a nessuna boa - riferimento - termine in modo tale da creare una dipendenza, perché sarà equivalente allo stato di NON PROCEDERE.

Ah, a proposito, ieri, mentre chattavo con Andrea, ho sentito la parola CRONOMETRO, in questo senso: ognuno di noi dovrebbe acquisire o sviluppare un suo Metro personale per interagire con Crono, e cioè, con il Tempo.

Questo metro è uno degli accompagnatori che conducono naturalmente nel Mondo dell'Amore... :)
AIRI-SON

Tornerò a sollecitare le vostre anime

"Съешь же ещё этих мягких французских булок, да выпей чаю." :figurati : ... : : down :

User avatar
Irinushka
Site Admin
Posts: 7085
Joined: Sat Dec 22, 2007 1:14
Location: Italy, Piedmont
Contact:

Re: Cherchez le mot...

Post by Irinushka » Mon May 14, 2012 20:31

Sabato ho detto, quasi scherzando, che forse finiremo per mangiare le cose che risultano in rima o comunque in connessione con "la parola del giorno"... :lol:

Oggi, mentre stavo andando a lavarmi i denti dopo pranzo, lo spunto si è concretizzato con questo esempio: Free (come libero) e casser (come rompere), Fricassee... :mrgreen:

E mentre mi lavavo i denti, ho sentito un altro spunto carino: Without, senza.

Che si è scomposto in With Out; e cioè CON l'Out, con il Fuori (la condizione di essere fuori dalla vecchia matrice, fuori dalle vecchie scale delle scelte e della mondovisione, Out of doors).

Non senza, ma con...

Oggi ho sentito anche altre parole incrociate, alcune divertentissime; Labbra-door si sta decisamente potenziando...

E mentre tagliavamo l'erba sul prato, ho sentito "Malmaison", un riferimento che sentivo già ogni tanto negli anni scorsi, ma stavolta ho capito, oltre ogni ragionevole e anche irragionevole dubbio, che si riferiva alla dimensione terrestre che il Creatore intendeva trasformare nella sua casa, nella sua maison, solo che la maison attualmente esistente era fatta male, anzi, malissimo...

Ma ora, in presenza vigile ed amorevole del futuro padrone di casa, potrà essere ricostruita alla grande... :D :wink:
AIRI-SON

Tornerò a sollecitare le vostre anime

"Съешь же ещё этих мягких французских булок, да выпей чаю." :figurati : ... : : down :

User avatar
Irinushka
Site Admin
Posts: 7085
Joined: Sat Dec 22, 2007 1:14
Location: Italy, Piedmont
Contact:

Re: Cherchez le mot...

Post by Irinushka » Mon May 21, 2012 11:25

Ieri ho scritto (in privato):

************************************

Un'osservazione che volevo mettere a verbale, non so se c'entra qualcosa, ma comunque.

Ieri sera (sabato) prima di cena ho guardato per una mezz'ora la fine dell'ultima puntata di Nero Wolfe (che non ho potuto guardare giovedì sera, perché volevo andare a letto presto), e tra i personaggi c'erano un Goodwin (il coprotagonista) e un Frost.

Poi dopo cena Massimo ha deciso di guardare un DVD, "source code", mi sembra (uno di quei film sulle realtà parallele e fisica quantistica che mi confondono per cui evito di approfondire :mrgreen: ), comunque anche lì c'era un personaggio Goodwin (stavolta una donna) e un Frost.

Questa coincidenza che si è fatta notare potrebbe significare qualcosa?

Andrea:

L'aneddoto di Goodwin (Dio Vince, La Vittoria del Bene) e Frost mi sembra molto significativo, soprattutto alla luce che il GoodWin è sia un uomo che una donna, e questo ha molto il sapore della fusione, del superamento della dualità e dei limiti imposti dall'apparente genere/sesso del soggetto.

Io:

Metterò questa condivisione - aneddoto sul forum, anche perché Frost significa gelo, e mi sembra una metafora estremamente parlante... :)
AIRI-SON

Tornerò a sollecitare le vostre anime

"Съешь же ещё этих мягких французских булок, да выпей чаю." :figurati : ... : : down :

User avatar
Irinushka
Site Admin
Posts: 7085
Joined: Sat Dec 22, 2007 1:14
Location: Italy, Piedmont
Contact:

Re: Cherchez le mot...

Post by Irinushka » Sun May 27, 2012 10:56

Stamattina è transitata questa espressione:

Si fa per dire

Per interpretarla, mi aggancio a quanto detto da Metatron:

"Vedete, questa è un’unica via che, a sua volta, può essere definita come un insieme di vie infinite, che porta al vero senso di se stessi, al senso della propria appartenenza, della propria validità e che pone l’individuo fuori da questi concetti della vita, della morte, dai vari obblighi tipici della dimensione umana.
Certe correnti della vita umana, sicuramente possono ancora essere presenti nelle vostre vite mentre le gestite in quest’altra risoluzione, però, sarà un posizionarsi al di sopra di quelle correnti, non essere fusi con esse, non sentirsi un essere umano mortale ed impotente.

Le vie per accedere a questo click, a questa soluzione massima sono tante, sono diverse. Ognuno di voi può avere diverse scelte che portano in quella direzione principale e giustamente dovete usare il vostro diritto della scelta, ma cercate di percepire, sempre e soprattutto, il respiro della luce, ciò che vi porta fuori dalla dimensione umana, non quello che vi permette di consolidare le vostre posizioni dentro la dimensione umana.

Perché la dimensione umana è una specie di fantasma, non c’è una vita vera lì dentro anche se dentro potete fare certi movimenti, potete muovere i vostri arti, ma è per servire qualcos’altro che siete qui, qualcosa che è il vostro vero baricentro.
"

http://it.irinushka.eu/?p=1820" onclick="window.open(this.href);return false;

Si fa per dire

I vari movimenti, le varie sequenze, le varie "pressioni" vissute dentro la dimensione umana, dentro la densità umana a che cosa servono, che cosa producono?

Sono come la materia grezza, un carburante per DIRE, per attivare il regime del Labbra-door, della formazione della Parola magica che è la base del Tempio della fede, della Parola che attiva le accordature e le connessioni di High Level - High Clever.

Perché è attraverso questa Parola, attraverso questo DIRE ispirato, attraverso questo GOLD SINGING che passa il vero FARE, la vera Creazione, nonché la condizione dell'"Unione Sacra" con il Creatore...

P.S. Ci vedo dentro un accenno piuttosto esplicito che riguarda gli imminenti comportamenti "insoliti" e strani del tessuto degli eventi, della trama degli eventi.

Qual è il nostro compito, la nostra missione?
Cercare forse di mantenere in piedi le parvenze del vecchio ordine?

Direi piuttosto, di fare in modo che tutto ciò, tutto questo TAMPONAMENTO a vicenda della Forza "bassa" e della Forza "alta" suoni come un'unica partitura concordata, come una Vita Cosmo-Terrestre che si sta raggruppando dentro un quadrante del Tempo diverso, intorno ad un nuovo "Big Bang".

E.. cerchiamo di non difendere il nostro attuale pre-sguardo fino all'ultimo sangue... :) Concediamogli la libertà di abbandonarci, quando vuole, invece di attaccarci a lui, per la paura di diventare del tutto non vedenti...
Irinushka wrote:
Irinushka wrote:
Per approfondire ulteriormente l'argomento del potenziamento, del rilancio e/o del cambiamento del nome, rendo di dominio pubblico certi suggerimenti arrivati di recente durante un incontro privato, da una Fonte assai autorevole :) :
Sempre dalla stessa Fonte... :wink: :D Assai autorevolissima... :wink: :D

Devo dire che solo toccare questo testo mi ha fatto sentire un tale slancio di Amore e di Gioia (a prescindere dal contenuto) che non posso non esternarli (sia il testo che lo slancio) sul forum. :D

*******************************

"... Adesso uso questa parola: pre-sguardo. Voi forse pensate di avere lo sguardo ma io vi dico che è un pre-sguardo. Adesso cercate di aggiornare la vostra visibilità. Rendetevi conto che adesso disponete di un pre-sguardo, non di uno sguardo. Assestatevi in questo vostro pre-sguardo sia verso l'interno che verso l'esterno. Che cosa manca al vostro pre-sguardo perché diventi uno sguardo vero e proprio? Manca un certo regime della forza. Adesso non voglio che vi sforziate troppo, però provate a fare questa cosa.

Provate a stare in questo pre-sguardo e poi provate a localizzare una direzione o uno spazio dove andare a cercare il vostro sguardo, dove andare a fondervi con il vostro sguardo per tracciare la direzione dell'andamento. Adesso vi sto anche aiutando...

In questo momento, io ho un vortice di sguardi, nella mia risoluzione esistenziale ho a disposizione come un vortice di sguardi. Sono degli sguardi che continuano a ruotare, a muoversi. In un certo senso possiamo dire che non c'è ancora uno sguardo vero e proprio, non come una cosa stabile. Volevo solo farvi capire che quello che voi adesso considerate come uno sguardo, non lo è.

Lo sguardo deve ancora uscire fuori dal guscio. Voi non potete pretendere dal vostro pre-sguardo che vi faccia da sguardo e non potete nemmeno brontolare perché non vede ciò che dovrebbe vedere lo sguardo, perché deve ancora nascere, deve ancora fissarsi. In questo momento è nel vortice, insieme agli altri sguardi per cui continuate ad usare il vostro pre-sguardo sapendo che è solo “pre”..." :)
AIRI-SON

Tornerò a sollecitare le vostre anime

"Съешь же ещё этих мягких французских булок, да выпей чаю." :figurati : ... : : down :

User avatar
Irinushka
Site Admin
Posts: 7085
Joined: Sat Dec 22, 2007 1:14
Location: Italy, Piedmont
Contact:

Re: Cherchez le mot...

Post by Irinushka » Thu May 31, 2012 10:32

Ieri ho sentito un'espressione russa Ва-банк (fr. va banque), che per me è chiarissima, ma mi sa che in italiano non si usa, perciò riassumo quello che è scritto nella Wikipedia russa.

Ва-банк (фр. va banque) — в карточных играх ставка игроком всех денег, имеющихся в его распоряжении. Остальные игроки должны либо так же поставить все имеющиеся деньги, либо пасовать, в результате чего выигравший забирает весь банк, а остальные игроки теряют всё. Употребляется чаще в словосочетаниях: «пойти ва-банк», «играть ва-банк» и т. п. В переносном смысле означает действие, сопряжённое с крупным риском. В покере имеет собственное название — олл-ин (all-in).

Nei giochi a carte significa che il giocatore punta tutti i soldi che ha a disposizione.

Gli altri giocatori a questo punto devono o puntare anche loro tutti i soldi disponibili oppure ritirarsi (passo), e alla fine il vincitore PRENDE TUTTA LA BANCA, e gli altri giocatori PERDONO TUTTO.

In senso figurato si usa per indicare un'azione molto rischiosa.

Nel gioco del poker si chiama all-in.

Come dice la canzone, The Winner takes It All, Il Vincitore si prende tutto...

http://www.youtube.com/watch?gl=IT&feat ... sryOCnuj7c" onclick="window.open(this.href);return false;
AIRI-SON

Tornerò a sollecitare le vostre anime

"Съешь же ещё этих мягких французских булок, да выпей чаю." :figurati : ... : : down :

User avatar
Andrew
Posts: 606
Joined: Mon Jan 18, 2010 11:24
Contact:

Re: Cherchez le mot...

Post by Andrew » Thu May 31, 2012 23:40

Irinushka wrote:Ieri ho sentito un'espressione russa Ва-банк (fr. va banque), che per me è chiarissima, ma mi sa che in italiano non si usa, perciò riassumo quello che è scritto nella Wikipedia russa.

Ва-банк (фр. va banque) — в карточных играх ставка игроком всех денег, имеющихся в его распоряжении. Остальные игроки должны либо так же поставить все имеющиеся деньги, либо пасовать, в результате чего выигравший забирает весь банк, а остальные игроки теряют всё. Употребляется чаще в словосочетаниях: «пойти ва-банк», «играть ва-банк» и т. п. В переносном смысле означает действие, сопряжённое с крупным риском. В покере имеет собственное название — олл-ин (all-in).

Nei giochi a carte significa che il giocatore punta tutti i soldi che ha a disposizione.

Gli altri giocatori a questo punto devono o puntare anche loro tutti i soldi disponibili oppure ritirarsi (passo), e alla fine il vincitore PRENDE TUTTA LA BANCA, e gli altri giocatori PERDONO TUTTO.

In senso figurato si usa per indicare un'azione molto rischiosa.

Nel gioco del poker si chiama all-in.
Facendo alcune ricerche ho trovato che la mossa All-In - che in italiano equivale alla locuzione "ai resti" - viene così descritta in questa pagina:

E’ a mio modo di vedere la giocata più emozionante che un player possa piazzare durante una partita di Texas Hold’Em. Sostanzialmente ci si gioca un dentro o fuori quando si va All-In, si decide di puntare sulle proprie carte con la speranza di ottenere tutto il piatto, o almeno quella parte di piatto che ci spetta.

e poi qui

Quando si gioca a poker si devono imparare molte terminologie che fanno parte di questo mondo. Tra le parole che sono più utilizzate ad un tavolo da poker troviamo certamente “All-in” ma alcuni giocatori principianti non sanno il vero significato di questa parola che infine definisce un’azione, anzi “l’azione”. Infatti andare all-in è molto spesso la parte più importante del gioco e bisogna sempre sapere quando bisogna farlo.

E ancora: all in (senza trattino) significa "spossato, distrutto", il che rende l'idea di una mossa finale ed in qualche modo estrema per concludere la partita.

Va banque mi ha ricondotto allo sbancare il banco, s-bancare (omologo dello s-terminare di cui abbiamo parlato qualche tempo fa) nel senso di rimuovere il banco... o la banca? :roll:
Irinushka wrote:Come dice la canzone, The Winner takes It All, Il Vincitore si prende tutto...

http://www.youtube.com/watch?gl=IT&feat ... sryOCnuj7c" onclick="window.open(this.href);return false;
Cosa succederebbe se il vincitore fosse proprio il Tutto, il Raggio Principale ?

Forse un fantastico Win-Win ? :D

Win-win è un'espressione inglese che indica la presenza di soli vincitori in una data situazione. Per estensione si considera win-win una qualsiasi cosa che non scontenti o danneggi alcuno dei soggetti coinvolti.

Ad esempio, un gioco win-win (in italiano potrebbe tradursi come gioco vinci-vinci) ha struttura e regole tali per cui non esistono vinti, ma tutti i giocatori vincono.

Un ulteriore esempio potrebbe essere una ideale riforma win-win, tale che non provochi malcontento in nessuna componente sociale coinvolta dalla riforma stessa.



PS: i colori della mia nuova firma non sono casuali :wink: :D

Post Reply

Who is online

Users browsing this forum: No registered users and 11 guests